Kitchen

In molti si domandano il significato della scritta al neon che lampeggia all’ingresso del ristorante. «Food kills love» è una provocazione. Una dichiarazione di guerra dentro una dichiarazione d’amore, la dichiarazione d’amore verso il cibo, che al Killer vince sopra ogni cosa. Dal petto d’anatra alla caprese orientale, dalle cosce di quaglia impanate allo spiedo di polpo, dai veggie dumplings di cavolo cinese agli spaghetti al caviale, dalla rice salad al Loreo, l’originale biscotto ripieno di baccalà mantecato: tutti i piatti del Killer, creati dall’executuve Chef Andrea Marconetti, sono pensati per essere condivisi. Inforcati, pinzati, scucchiaiati, gustati con le mani, non c’è una regola. Per questo ogni tavolo è dotato di cassettini con all’interno un ventaglio di posate tra le quali scegliere.

Scarica il menu

killer’s social

carica altri